04 - Dialoghi con Giuseppe Abbamonte

€ 10,00
Disponibilità: Disponibile
ISBN: 9788866117612
NUMERO PAGINE: 160

«Io penso che qualunque principio esiga una sua storicizzazione, per poter essere praticamente applicato. Questo non perché vi sia una ragione di principio, ma perché vi è, in giro, un diffuso scetticismo. Nel senso che non si crede più nella divinità. E, allora, la migliore introduzione alla soluzione penso sia data da uno sforzo di storicizzazione dei princìpi e dei valori generali; e delle stesse acquisizioni che sono riuscite a compiere quelle opere ritenute “classiche” che – come dice Calvino – non finiscono mai di dire quello che hanno da dire. La cosa importante è storicizzare quelle esperienze che sono riuscite in questo senso, non dico a sublimare, ma a generalizzare, a ricostruire ed a rendere accessibile a tutti il risultato. E, se si vuole fare qualcosa di produttivo nell’attuale epoca di scetticismo e materialismo, è sempre necessario uno sforzo di storicizzazione. Anche se non mancano affatto nobilissime istanze, le quali si ribellano a scetticismo e materialismo rivendicando l’esistenza di una parte migliore dell’uomo. La storicizzazione dei principi è un tentativo di renderli attuali nella realtà che, altrimenti, rischierebbe di rimanere vuota. Sta diventando vuota, poiché povera di principi e di tutto. Si cade nel congiunturale, nel contingente, nel quotidiano e poi, in definitiva, si genera uno scetticismo improduttivo. Finendo nel non credere più a nulla, si cade nel materialismo; e la vita umana – mi duole doverlo dire – diventa poco diversa da quella degli animali. Bisogna godere, bisogna mangiare e bere, ma – attenzione! – non si può e non si deve vivere come bruti. Al contrario, bisogna seguire virtù e conoscenza. Dice il Sommo Poeta: “(...) Non vogliate negar l’esperienza di retro al sol, del mondo sanza gente. Considerate la vostra semenza, fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza”».

Informazioni aggiuntive
Anno Edizione 2018
back to top