Comparazione e diritto agrario

SAGGI
ISBN: 9788866119845
NUMERO PAGINE: 346
€ 35,00

Sono qui raccolti saggi agraristici di contenuto comparatistico elaborati in un arco di tempo di oltre quaranta anni, tra gli ultimi decenni del Novecento ed il nuovo secolo. Nel presentarli, si è voluto fondamentalmente rispettare l’ordine cronologico con cui sono nati, allo scopo di evidenziare l’evoluzione che la disciplina giuridica dettata per il settore agricolo ha conosciuto nel corso degli ultimi decenni, più in particolare, il mutamento intervenuto nei paesi industrializzati circa le ragioni di fondo che sono tuttora alla base del c.d. “eccezionalismo agricolo”. Espressione, quest’ ultima, tesa a segnalare il trattamento singolare che gli ordinamenti giuridici propri delle società di mercato hanno destinato all’attività agricola e ai suoi protagonisti.

Nel periodo considerato, la modernizzazione della disciplina agraristica ha continuato ad intervenire all’interno delle strutture agricole, mediante la diffusione in esse dello strumentario tecnico proprio dell’impresa moderna, sebbene calibrato sulle peculiari caratteristiche dell’attività agricola. Nel corso degli anni l’attenzione del diritto agrario si è, però, spostata in misura espo­nenziale anche sul versante esterno alle aziende agricole, a partire dalle relazioni contrattuali che, a monte e a valle del settore primario dell’economia, legano gli operatori agricoli al mondo industriale, commerciale e finanziario.

Al centro del diritto agrario non vi è più la gestione del conflitto tra la proprietà della terra e l’impresa agricola, al cuore dei contratti agrari, ma quello, tutto interno al sistema agro-alimentare ed agroindustriale, che ha come protagonisti le imprese agricole e quelle industriali. Con sempre maggiore consapevolezza, gli operatori agricoli sono stati considerati indispensabili ed insostituibili nel soddisfare la domanda alimentare globale e, al tempo stesso, preziosissimi attori nel presidio dell’ambiente naturale e nella salvaguardia della biodiversità.

Alla stessa stregua dei consumatori finali, i produttori agricoli meritano una particolare tutela giuridica che, per loro, investe soprattutto i rapporti di filiera che intervengono nel processo di integrazione dell’attività agricola nel sistema agro-industriale e agro-alimentare. La “specialità” del diritto agrario ha trovato, dunque, un ulteriore fondamento nell’esigenza sia di contrastare l’egemonia dei colossi industriali dell’alimentazione e della grande distribuzione, sia di assicurare la sopravvivenza di una agricoltura plurale, risorsa preziosa per la sostenibilità dello sviluppo.

Informazioni aggiuntive
Anno Edizione 2021
back to top