La transizione dall’antico al nuovo diritto nel Regno di Napoli. Momenti e Letture

€ 28,00
ISBN: 9788866118749
NUMERO PAGINE: 288

 La passaggio dall’antico al nuovo regime nel Regno di Napoli fu realizzato durante il decennio francese (1806-1815) con le riforme introdotte da Giuseppe Bonaparte e da Gioacchino Murat che si scontrarono con una società molto diversa da quella d’Oltralpe. Quali furono i momenti importanti della transizione e quali problemi sollevarono? Come fu visto e sentito dai contemporanei e dalle generazioni immediatamente successive il passaggio dall’Antico al Nuovo regime? Come lo vissero ed interpretarono soprattutto i giuristi, ossia coloro che subirono e dovettero gestire il cambiamento delle istituzioni e dell’ordinamento giuridico nella sfera della professione privata, nell’ambito delle magistrature oppure nel quadro della riflessione scientifica? A tali domande prova a dare qualche risposta questo volume che raccoglie alcuni saggi pubblicati in diverse sedi editoriali, separando due angoli prospettici in qualche modo complementari. Il primo è riscontrabile nell’analisi dei momenti più significativi della transizione giuridica, ossia alle maggiori riforme sul piano del diritto e delle istituzioni, esaminate nel quadro della storia generale del Mezzogiorno; il secondo nell’esame delle interpretazioni che di quelle trasformazioni diedero giuristi e storici del tempo e nei primi tempi.

Informazioni aggiuntive
Anno Edizione 2020
back to top